Altri tre progetti finanziati dlala Fondazione Comunità del Novarese

“Incontro speciale” – così lo ha definito il vice presidente Davide Maggi – quello che si è tenuto questa mattina, martedì, nella sede della Fondazione Comunità del Novarese per «presentare i tre nuovi progetti che, inseriti nel Bando 3 e nel Bando 4 e proposti da associazioni del territorio, si prefiggono l’obiettivo di migliorare la qualità della vita di alcune tra le frange più deboli della comunità». Comunità che – sempre nelle parole di Maggi – «ha intrinseca l’idea del dono e nella quale abbondano i beni fisici ma scarseggiano quelli relazionali».

Il nuovo meccanismo dei “bandi aperti” proposti dalla Fcn ha quindi permesso il finanziamento di tre nuovi progetti che rientrano nelle aree vacanze solidali, socio assistenziale e socio sanitario per un totale stanziato di 48 mila euro.

L’associazione IdeaInsieme Novara, che dal 2004 è al fianco dei malati terminali nell’hospice di Galliate, a Novara e a domicilio, ha ricevuto un contributo di 30 mila euro per poter integrare nell’equipe di cure palliative domiciliari con le prestazioni di un operatore socio-sanitario, un assistente sociale, due psicologi e tre fisioterapisti.

«Siamo 56 volontari – ha detto nel suo ringraziamento alla Fondazione la presidente Margherita Zanetta – e facciamo il possibile. Il vostro contributo ci permette di ridurre i tempi per attivare servizi e figure professionali».

Di 8 mila euro è il contributo che la Fondazione Comunità del Novarese ha stanziato all’associazione Parkinson Insubria Novara impegnata nel delicato compito di aiutare a vivere e convivere con Mr. Park, il nome che chi ne soffre dà da sempre a questa malattia. «E’ importante imparare a vivere e convivere con il Parkinson – ha sottolineato la presidente Adriana Rossi – perché è una malattia senza cure definitive che peggiora sempre più e crea enormi difficoltà soprattutto alle famiglie di chi ne è affetto». Il contributo elargito permetterà all’associazione, che conta 100 iscritti, di aiutare una quarantina di parkinsoniani con servizi finalizzati al mantenimento delle relazioni sociali, alla prevenzione degli stati depressivi e alla conservazione delle capacità di movimento usufruendo anche di fisioterapia a domicilio.

«L’esperienza di crescita e benessere che ci permettete di vivere – questo il ringraziamento di Raffaella Cerutti a nome di Anffas Onlus Novara – grazie al contributo di 10 mila euro per noi è fondamentale». L’associazione, che si divide tra centro diurno e centro residenziale, infatti, da diverso tempo organizza dei soggiorni estivi a Igea Marina per gli ospiti della casa residenziale e per i figli disabili delle famiglie socie che, per 10 giorni, possono vivere momenti di serenità.

Valeria Abate

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here