Alzheimer, sarà più semplice ottenere l’invalidità civile

Un Protocollo per facilitare il percorso dei malati di Alzheimer per ottenere l’invalidità civile: è quello firmato, prima volta in Italia, tra Asl No, Inps Novara e sigle sindacali dei medici di medicina generale.

«L’idea è partita da noi medici di famiglia – hanno spiegato il dott. Savio Fornara (Fimmg) e il dott. Angelo Gioria (Snami) – che continuavamo a sentire le proteste dei loro paziente per i lunghi tempi d’attesa per le pratiche burocratiche».

E’ così nata l’idea di creare un gruppo multiprofessionale che ha stabilito un Protocollo ad hoc per i pazienti affetti da disturbo cognitivo: il malato potrà rivolgersi semplicemente al proprio medico curante, che attesterà il grado di malattia. La scheda compilata verrà portata alla Commissione medico legale (anche da un parente) e se non ci saranno necessità di particolari necessità di approfondimenti l’iter sarà concluso.

«Otteniamo così – hanno sostenuto Adriano Giacoletto, direttore generale Asl No, direttore sanitario Asl No e Gianfranco Zulian, direttore della Medicina legale dell’Asl No – sia uno snellimento delle procedure, a tutto vantaggio di pazienti che sono per la gran parte anziani, sia un alleggerimento del carico di lavoro delle Commissione e così liste d’attesa andranno a ridursi».

Daniela Cotugno, direttrice Inps Novara, ha sottolineato l’importanza dell’accordo «in relazione al costante aumento dei pazienti che chiedono l’invalidità. 10564 nel 2015; 11059 nel 2016 e 11751 nel 2017».

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here