Anti-bullismo, primo momento di formazione

Novara si conferma avanguardia nella prevenzione e contrasto al cyberbullismo con la prima edizione di “presentazione ed approfondimento” sulla Piattaforma Elisa. Dopo la legge (la 71/17) a prima firma Elena Ferrara e la norma regionale promossa dal consigliere Domenico Rossi, Novara ha tenuto a battesimo il progetto di formazione in E-Learning degli insegnanti sulle strategie antibullismo voluto dal Ministero dell’Istruzione.

Lunedì oltre 200 tra docenti, dirigenti e referenti bullismo provinciali e regionali provenienti da sei Regioni, hanno partecipato all’incontro, organizzato dall’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, durante il quale la professoressa Ersilia Menesini, la dottoressa Benedetta Palladino dell’Università di Firenze e l’avvocato novarese Anna Livia Pennetta hanno presentato i diversi moduli della piattaforma evidenziando la versatilità di uno strumento che, oltre a garantire la formazione permanente dei referenti scolastici previsti dalla legge 71/17, consente di condividere linee guida e buone prassi.

Un’occasione per riunire anche le tante realtà del territorio, associazioni ed enti, che operano a diretto contatto con i ragazzi e ogni giorno si confrontano con problemi e opportunità correlate al web e fare rete con le istituzioni presenti a cominciare da Prefettura, Procura e Questura e considerando l’apporto che già oggi Asl, Nucleo di prossimità della polizia municipale e terzo settore stanno offrendo al sistema dell’istruzione. Un modello di buone pratiche condiviso con Piattaforma Elisa che, con le 25 ore di corso a distanza, ha l’obiettivo di dotare scuole e i docenti di strumenti per intervenire efficacemente contro i bullismi e rappresenta un’efficace azione tra quelle messe in campo dal Ministero per l’attuazione della Legge 71/17 dedicata a Carolina Picchio, prima vittima acclarata di cyberbullismo.

Al momento i docenti iscritti alla piattaforma su tutto il territorio nazionale sono circa 3.500 rappresentanti 2.700 scuole, quasi un terzo delle scuole statali. Si è inoltre da poco avviato anche il coinvolgimento delle scuole paritarie.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here