Calcio-caos: delitto perfetto, per il Tfn non c’e’ alcuna norma che obblighi ai ripescaggi

Il “delitto perfetto” si è consumato: oggi, lunedì, il Tribunale federale nazionale ha respinto i ricorsi di Pro Vercelli, Ternana, Novara, Siena e Catania contro il format della B a 19 giudicandoli inammissibili “per mancato interesse”. In sostanza, il Tfn ha ritenuto che non ci fosse alcuna norma che obbligasse la Fgci a ripescare alcune squadre per arrivare a 22 e quindi non c’era alcun interesse da tutelare rispetto alle squadre ricorrenti.

Peccato che il Tfn abbia dimenticato che la stessa Lega di B aveva chiesto alla Federazione di decidere le ripescate, non appena era giunta la seconda sentenza favorevole al Novara; che la stessa Fgci avesse preteso una fideiussione da 1,2 milioni di euro e altri 700 mila euro a fondo perduto da parte di quelle società che intendevano essere ripescate.

Insomma, una sentenza che fa a pugni con quanto è effettivamente accaduto, uno scandalo giuridico di proporzioni enormi che meriterebbe l’azzeramento di tutti i vertici di Fgci, Lega di B e giudici federali.

Ora le cinque società interessate possono ricorrere alla Corte d’appello federale, mentre sullo sfondo si allunga l’ombra del decreto-Giorgetti, quello che prevede di togliere la competenza sulle cause inerenti a ripescaggi e format dei campionati alla giustizia sportiva e di ritenere la competenza del solo tar del Lazio. Con riguardo anche alle sentenze ancora in corso…

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here