Coronavirus, dal Comitato ordine pubblico le indicazioni su come comportarsi

Dalla riunione del Comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza tenutosi oggi, domenica, sono emerse alcune indicazioni precise su come debbano muoversi i novaresi dopo l’inserimento di Novara nella ‘zona rossa’, così come il governo ha deciso in tema di contenimento dei contagi da coronavirus.

In particolare, è stato spiegato cosa si possa intendere per ‘comprovate esigenze lavorative’: il decreto è stato declinato nel senso che i lavoratori dipendenti dovranno portare con sé una dichiarazione del datore di lavoro che certifica la loro presenza sul luogo di lavoro.

«In attesa di ulteriori circolari esplicative – è stato detto – abbiamo ritenuto che le pizzerie, dopo la chiusura delle ore 18, potranno consegnare i prodotti a domicilio. E’ vietato l’asporto. I centri commerciali saranno chiusi nelle giornate festive e prefestive, ma se all’interno vi sono dei supermercati questi resteranno aperti, così come tutti gli altri supermercati».

Particolare attenzione è stata posta ai controlli: saranno eseguiti da tutte le forze dell’ordine e anche dalla polizia municipale in città.

«Almeno i primi giorni – è l’indicazione data – più che un’azione repressiva sarà un’azione educativa, di spiegazione e convincimento».

Agli imprenditori è stato chiesto di adottare tutte le misure possibili per ridurre la presenza dei lavoratori in azienda, ricorrendo allo smart working o a diverse organizzazioni aziendali.

«Bisogna però sgomberare il campo da un equivoco – ha aggiunto il sindaco di Novara Alessandro Canelli – Questa che è stata definita ‘zona rossa’ non è come quella che, ad esempio, era stata decisa per Codogno e zona limitrofa: qui non c’è alcun focolaio. Semplicemente, è stata divisa in due l’Italia, tra quei territori dove l’incidenza del coronavirus è maggiore (ed ecco una serie di provvedimenti molto restrittivi) e dove non lo è».

Nella foto grande, uno striscione con i complimenti al personale sanitario dell’ospedale di Novara che da giorni è in trincea.

Così, invece, nella fotogallery di Maurizio Tosi la Novara del primo giorno di ‘zona rossa’.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here