Gli azzurri pagano la sconfitta di domenica, in ritiro fino a sabato

Costa caro, ai giocatori azzurri, la sconfitta interna con il Renate di domenica: sono in ritiro fino alla partita di sabato pomeriggio a Piacenza.

Dopo la gara di domenica, la società ha preso atto della crisi: un punto nelle ultime tre partite con il nuovo allenatore, Michele Marcolini.

Il ritiro si tiene nel centro sportivo di Novarello: «Tutti, all’interno del club, dai giocatori all’intero staff, dai dirigenti alla proprietà, sono determinati a lavorare il più duramente possibile per invertire l’inerzia del momento ed ottenere risultati migliori», si legge in un comunicato stampa.

La crisi è conclamata e, una volta licenziato Banchieri, è evidente che non restava altro che il ritiro a Novarello. Anche se in pochissimi casi simili provvedimenti non hanno fornito grandi risultati.

Forse sarebbe il momento di mantenere i nervi saldi. Il campionato è ancora molto lungo, marcolini ha dimostrato di saper cambiare modulo all’occorrenza (la difesa a tre ha dato i suoi frutti nel secondo tempo contro la Juve U23, meno nelle ultime due partite) e quindi saprà trovare la quadra giusta.

Piuttosto il Novara sconta alcuni errori commessi durante il calciomercato. Domenica si è visto che il Novara non può fare a meno di Buzzegoli (nella foto), ma non si è pensato a trovare un’alternativa valida a un giocatore di 37 anni che non potrà reggere ad alti livelli per tutto il campionato. Così come paiono evidenti le carenze sugli esterni di difesa. A proposito: se Zigoni sbaglia gol clamorosi come domenica, allora forse c’è anche un problema in attacco, il reparto che sulla carta sembrava il più a posto.

Ma è presto per fasciarsi la testa.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here