Grande successo di Hoas, con la moda sostenibile “sbanca” sulle passerelle torinesi

Ventimila ingressi, novemila metri quadrati espositivi, dodici brand, undici fashion designer emergenti, quattro chef stellati. Sono alcuni dei numeri che hanno reso Torino, e per estensione il Piemonte, per quattro giorni capitale della moda e degli eventi mondani.  Si tratta di “Hoas”, il fashion show che racconta “l’history of a style”, che per la sua seconda edizione ha registrato un grande successo di numeri e presenze: vuoi per l’originalità dei brand come l’Esercito Italiano, che per la prima volta ha portato in passerella il suo marchio, vuoi per la voglia di ripartenza economica in nome della sostenibilità, vuoi per le celebrities che ogni sera hanno arricchito lo show.

Se i vip come Ronn Moss, Elisabetta Gregoraci, Manuela Arcuri, Anna Safroncik, Andrea Montovoli, le Donatella ed Elena Barolo, nei panni della presentatrice, rappresentavano una sicurezza in termini di visibilità, sono state le sfilate le vere protagoniste di una quattro-giorni che ha ripotato Torino sotto gli occhi di flash e riflettori. Incontri, masterclass, casting e alta cucina con il Gambero Rosso hanno esaltato la moda e lo style al centro dell’attenzione. L’edizione 2021 è stata all’insegna dell’ambiente e della sostenibilità, come citava il convegno organizzato da Assomoda.

Ma “Hoas”, oltre ad essere una grande passerella che ha sfilato al Lingotto Fiere di Torino, è anche stata un’occasione per mettere in contatto i buyer con le realtà emergenti: produttori di gioielli, designer, innovatori, aspiranti modelli e modelle con nomi affermati della moda italiana.

 

Gai Mattiolo, Alviero Martini, Rg Romeo Gigli, Anton Giulio Grande e Giuseppe Fata sono alcuni dei grandi marchi che hanno raccontato la loro visione delle prossime tendenze. L’evento è stato organizzato in collaborazione con la Regione Piemonte, la Città di Torino, Assomoda e Bros Group Italia e ha voluto ridare una dimensione internazionale al capoluogo sabaudo dopo i lunghissimi mesi di stop. Una sorta di ripartenza ad ampio respiro per dimostrare che si può parlare di temi importanti, come l’emergenza ambientale, anche attraverso la moda e l’intrattenimento. Lente d’ingrandimento sul marchio verde militare Esercito Italiano, che ha portato in passerella sportwear a tema sostenibilità; dai paracadute riutilizzati alle classiche polo, dalle iconiche mimetiche a stampa militare agli innovativi pantaloni ricavati dalle coperte da campo.

La musica non è mancata, come non si sono fatti attendere influencer e blogger, pronti per uno scatto davanti al wall of fame o di un bicchiere al Berebene. Insomma, la moda, la mondanità e le occasioni non sono mancate, nonostante una settimana di pioggia, dimostrando con i numeri la risposta positiva della città e della regione al grande salotto di “Hoas”.

 

Laura De Bortoli

 

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here