Il “Rigoletto” aprirà la stagione della lirica del Coccia

Sarà “Who’s Carlo Coccia?”, con l’Orchestra del Conservatorio “Cantelli” e la direzione di Gianna Fratta, ad aprire la stagione lirica e concertistica del Coccia. Il 23 settembre. La prima opera lirica sarà invece il Rigoletto per la regia di Paolo Gavazzeni e Piero Maranghi.

La presentazione di questa prima parte della stagione non poteva non portarsi appresso le scorie del caos creatosi dopo il licenziamento-dimissioni di Renata Rapetti, lo scontro in Cda reintegrato proprio di recenti e l’assenza di un direttore generale.

Non per nulla sia il sindaco Alessandro Canelli che la presidente del Cda Carmen Manfredda che il direttore artistico pro-tempore Matteo Beltrami hanno più volte ribadito che «non c’è alcuna apocalisse, l’attività va avanti». Un plauso generale è andato ai 13 dipendenti «senza i quali non sarebbe stata possibile questa stagione, che vede più opere e più concerti sinfonici».

Tra l’annuncio dell’apertura di un’accademia di canto e la speranza di poter dar vita a un festival dei Maestri di Cappella” (se ci sanno i fondi del ministero), è stata snocciolata la stagione lirica e concertistica. Oltre a “Rigoletto”, ecco “The Beggar’s opera”, “Mosè in Egitto” (ultima rappresentazione novarese il 1861), “Le nozze di Figaro” e per concludere “La Traviata”. Tre opere saranno fuori abbonamento: “La cambiale di matrimonio”, “Gianni Schicci” e “Fantasia-Fortunio”, uno scambio con il Bartok Plusz Operafestival dove il Coccia presenterà “La rivale”. Sei infine i concerti, tra musica da camera e sinfonica.

«Abbiamo voluto anticipare la presentazione della stagione lirica e concertistica – ha aggiunto Beltrami  – per poter intercettare il pubblico dei meloni che, spostandosi da teatro a teatro, già programma le proprie scelte. E noi vogliamo che il Coccia attiri queste frotte».

Per la prosa, il balletto e il comico ci sarà tempo.

Foto di Maurizio Tosi

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here