“Il tram” di Tennesee Williams al Coccia

“Un tram che si chiama desiderio” è un classico del teatro internazionale: lo riportano al Coccia (sabato ore 21 e domenica ore 16) Mariangela D’Abbraccio e Daniele Pecci, per la regia di Pier luigi Pizzi.

La vicenda narrata è ben nota (ne fu ricavato anche un film con Marlon Brando) ed è servita al suo autore, Tennesee Williams, per aprire uno squarcio nel velo di ipocrisia della società americana del tempo (era il 1947), sui suoi pregiudizi, sulle sue ipocrisie: omosessualità, sesso, disagio mentale, famiglia come luogo non proprio raccomandabile, maschilismo, femminilità maltrattata.

E’ la storia di Blanche Du Bois che dopo che la casa di famiglia è stata pignorata si trasferisce dalla sorella Stella sposata con un uomo rozzo e volgare di origine polacca Stanley Kowalski.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here