Importanti donazioni alla Neonatalogia dell’ospedale di Novara

La Struttura di terapia intensiva neonatale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Novara, diretta fino allo scorso 29 febbraio dalla dottoressa Federica Ferrero, afferente al Dipartimento emergenza e accettazione diretto dal professor Francesco della Corte, ha ricevuto cinque importanti donazioni da quattro tra associazioni, service club e privati che contribuiscono all’ulteriore miglioramento delle prestazioni offerte dal reparto.

 

Donazione Lissoni-Nucci

Una coppia di sposi, Federica Lissoni e Lorenzo Savini Nucci, in occasione del matrimonio, ha raccolto tra amici e parenti una ingente somma da destinare alla donazione di un’incubatrice (Atom Incu-i Burke & Burke), apparecchiatura di ultima generazione da terapia intensiva, con servocontrollo di temperatura e umidità, campana a doppia parete, carrello elettrico ad altezza variabile, display a colori con monitoraggio dei parametri, bilancia integrata.

Questo è un passo della lettera che la coppia ha inviato: “A seguito della splendida storia di una figlia di amici, nata di soli 5 mesi ed oggi in vita e nel pieno della sua infanzia grazie anche ad una incubatrice neonatale di ultima generazione, come regalo di nozze abbiamo voluto raccogliere dei fondi per l’acquisto e la donazione al Vostro ente proprio di un’incubatrice di questo tipo. Siamo veramente convinti che il regalo più bello sia il poter donare un sorriso ed una speranza alle famiglie che si trovano a dover affrontare una nascita prematura”.

 

Donazione NEON

Ogni anno l’Associazione “NEO-N” Neonati a rischio Novara, da sempre vicino alla Terapia intensiva neonatale dell’AOU di Novara, con il ricavato del “5 per mille” dona al reparto importanti attrezzature: quest’anno ha donato un versatile ventilatore neonatale e pediatrico e una lampada radiante. L’iniziativa si inserisce in una serie di progetti già realizzati nel corso degli anni con importanti risultati (ad esempio la Ret cam) o appena avviati come il progetto “Con me” (l’accompagnamento delle famiglie dei bambini dimessi dal reparto di Terapia intensiva neonatale dell’Aou di Novara).

Il ventilatore Servo-i   Maquet è un ventilatore invasivo e non-invasivo, neonatale e pediatrico che dispone di svariate modalità ventilatorie per adattarsi alle esigenze e alle patologie dei neonati, da quelli prematuri in poi, fino al bambino di 25 kg.

La lampada riscaldante Ginevri è una fonte di calore a led su carrello che viene posizionata sopra il fasciatoio della Terapia subintensiva per evitare il raffreddamento dei neonati durante i prelievi, gli incannulamenti venosi o le visite specialistiche

 

Mario Minola e Federica Ferrero

Donazione Cutaia – Arredi ambulatorio neonatologia

Angelo Cutaia per più di 10 anni con la Sua Croce di Sant’Andrea ha effettuato i trasporti dei neonati per lo Sten (Servizio di trasporto neonatale d’emergenza) insieme alla moglie Donatella. Un anno fa, in occasione della scomparsa prematura di Lei, ha raccolto fondi finalizzati ad arredare con attrezzature di qualità l’ambulatorio di neonatologia che ora è dedicato a Donatella.

 

Donazione Rotary club Valsesia e Rotary club Novara

Un importante service dei due Rotary è stato dedicato al reparto e ha portato alla donazione di un aspiratore digitale Thopaz Medela. Si tratta di un sistema di aspirazione digitale portatile a batteria per drenaggi toracici neonatali e pediatrici. L’apparecchio permette il monitoraggio continuo delle perdite di aria, della pressione e dei livelli dei fluidi e questi parametri sono visualizzabili in tempo reale nelle ultime 72 ore.

Conclude il direttore generale dell’Aou di Novara, dott. Mario Minola: «In un momento come questo caratterizzato da un’emergenza che vede impegnata in prima linea la nostra sanità è ancora più significativo sottolineare l’importanza della solidarietà del territorio che gravita attorno all’Aou di Novara.

Una solidarietà concretizzata da donazioni di apparecchiature di elevata tecnologia indispensabili per garantire al meglio le risposte ai delicati problemi dell’assistenza ai neonati pre-termine. Una tecnologia che viene messa a disposizione di un’equipe multidisciplinare di grande professionalità, formata nel corso degli anni dalla dottoressa Federica Ferrero che ha fondato a Novara una terapia intensiva neonatale e pediatrica di eccellente livello, come riconosciuto non solo nel Piemonte orientale ma anche a livello nazionale».

Per l’occasione, il direttore generale dell’Aou Mario Minola ha consegnato alla dott.ssa Federica Ferrero, che lascia l’incarico di direttore della Scdo Terapia intensiva neonatale per raggiunti limiti di età,  l’attestato di primario emerito “per l’impegno sempre profuso con eccellenti risultati nell’attività assistenziale e per il prestigio arrecato all’ospedale di Novara”

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here