Le prime 90 vaccinazioni anti Covid all’ospedale di Novara

Le prime 90 vaccinazioni anti-Covid a quanti operano presso l’azienda ospedaliero-universitaria di Novara, secondo una programmazione che interessasse tutte le professioni e i volontari, sono state eseguite a partire dalla mattinata di oggi, domenica (altre 40 all’istituto De Pagave).

Le prime quattro persone a essere vaccinate sono state il direttore generale dell’Aou, il dott. Mario Minola; il rettore dell’Università del Piemonte orientale (nonché responsabile della Struttura di chirurgia e medicina d’urgenza), il prof. Giancarlo Avanzi; una ostetrica e una logopedista.

«E’ il coronamento di un grande sforzo organizzativo, con la Regione in prima linea, soprattutto in considerazione del periodo prescelto – spiega il direttore generale dell’Aou, il dott. Mario Minola – Le adesioni alla campagna vaccinale sono state molto alte nella nostra azienda da parte di tutti.

Per l’Aou di Novara è un privilegio essere stati scelti per questa prima giornata, l’inizio di un percorso che riprenderà già nei prossimi giorni».

«Dal mio punto di vista, come medico igienista e infettivologo prima ancora che come direttore generale – prosegue Minola – non ho mai avuto dubbi: ritengo che i vaccini siano stati una delle più grandi scoperte di ogni tempo in campo medico. A maggior ragione contro questa epidemia».

Il prof. Avanzi lancia un appello: «E’ il momento che tutti si rendano conto dell’importanza di vaccinarsi contro il Covid, al momento l’unica arma contro l’epidemia’’.

Un appello rilanciato anche dalla prima donna ad essere vaccinata, la logopedista Daniela Pingitore: ‘’Nessun problema al momento dell’iniezione, l’importante è che tutti si vaccinino».

Le dosi sono arrivate poco dopo le 10 su una vettura della Protezione civile, accompagnata dalle forze dell’ordine, e sono state consegnate alla responsabile della Farmacia ospedaliera, la dott.ssa Alessia Pisterna.

«Le dosi ci sono state consegnate a temperatura di frigorifero – afferma la dott.ssa Pisterna – a differenza delle successive che arriveranno a -80 gradi. Quelle di stamattina sono state mezz’ora a temperatura ambiente e poi diluite. Lavoriamo a multipli di 5, perché da ogni flaconcino allestiamo 5 dosi di vaccino, sotto cappa, in ambiente sterile e poi le portiamo al punto vaccinale».

L’operazione di vaccinazione si è conclusa alle 17,15: tutto si è svolto regolarmente e senza alcun problema.

«Se l’operazione si è completata con successo – dichiara il direttore dell’Aou, Mario Minola – lo si deve al grande impegno di tutti gli operatori dell’Aou che si sono spesi in questi giorni festivi senza risparmiarsi. Il modello organizzativo, della Regione e dell’azienda, ha dato ottime risposte e ora siamo pronti a riprende le vaccinazioni non appena ci verranno consegnate le dosi richieste».

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here