Lega, Cota replica duramente a Molinari

L’intervista è appara oggi, venerdì, nelle pagine di Torino del quotidiano ‘La Stampa’: Roberto Cota, già segretario piemontese della Lega e presidente del Piemonte, replica duramente a chi lo ha sostituito alla guida del Carroccio piemontese, ovvero Riccardo Molinari, fedelissimo di Matteo Salvini e ora neo-deputato.

Lo hanno intervistato dopo che Molinari aveva dichiarato che, quando aveva preso in mano la Lega regionale, aveva trovato macerie.

Cota, nel rivendicare quanto fatto, di Molinari dice che «quando era stato dichiarato decaduto da consigliere regionale per incompatibilità, ed era rimasto a piedi, gli ho offerto un posto nella mia giunta. Di fatto, l’ho recuperato quando non aveva più un ruolo».

E definisce l’atteggiamento di Molinari una «coltellata nella schiena. Del resto, nella Lega di coltellate al mio indirizzo ne siano arrivate altre».

E’ la prima volta che Roberto Cota entra in polemica aperta con i vertici leghisti: che non sia in sintonia con Salvini e i suoi è assolutamente un eufemismo, ma finora non aveva mai alzato i toni.

Lo fa ora, quando probabilmente sente puzza di bruciato: che la sua avventura nella Lega sia agli sgoccioli?

Attilio Barlassina

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here