Lia Pascaniuc a Rovereto con un’opera sull’uguaglianza di genere

Lia Pascaniuc, Però!!, 50x70x4, stampa su tela pearl, led, light box in alluminio nero

Sarà presente anche Lia Pascaniuc (leggi qui) all’edizione 2020 di Human Rights? The Future’s Shape #WomenCanSaveTheWorld, la rassegna di arte internazionale che si terrà alla Fondazione Opera Campana dei Caduti di Rovereto dal 29 agosto al 4 ottobre.

Il nucleo tematico sarà focalizzato sul raggiungimento dell’uguaglianza di genere. L’opera presentata da Lia Pascaniuc è “Però!!”. Proteggere il seme, così come fa la natura, per far crescere il frutto. Per parlare di parità di genere è necessario tutelare il più grande miracolo che la natura offre: la maternità, garantendo a tutte le donne, in ogni parte del mondo, la necessaria assistenza medica e sociale.

«Gli Obiettivi dell’Agenda 2030 si rivolgono a tutti i 193 Paesi membri dell’Onu – spiega la visual artist – pertanto la parità di genere non viene percepita nello stesso modo da ogni Nazione, per diverse necessità culturali, storiche, religiose ed economiche. Questo è un momento cruciale per l’umanità, ognuno deve fare la sua parte combattendo gli stereotipi e le disuguaglianze di genere, partendo dal presupposto che debbano essere tutelati e difesi i diritti di tutti gli esseri umani, senza distinzione di razza o genere. Proprio come nella mia opera, madre natura tutela il seme, a prescindere dal genere; mi piacerebbe che non ci fosse più la necessità di parlare di parità di genere, ma solo di diritti dell’essere umano».

Lia Pascaniuc è una visual artist che utilizza diversi linguaggi contemporanei per indagare tematiche ed emergenze dell’odierna società. Tra le più importanti partecipazioni: nel 2018-2109: Museo della Shoa – Milano, Vita Liquida – Xerjoff Gallery Torino, Global warming a Casa Olimpia-Sestriere; All’archivio italiano dell’autoritratto fotografico – Senigallia; Galleria Weber & Weber – Torino; con La complessità dei paesaggi – China Photojournalism (Shandong); Global warming-Parma; nel 2017: La solitudine dell’autoscatto al Palazzo Guidobono – Tortona; nel 2016: Vita Liquida – Acquario Civico di Milano; Istanbul ArtFAir con Galleria Barbara Paci – De Rerum Natura “Infra Terram” a Pietrasanta, al Festival della Scienza, con Galleria AmyD-Genova; nel 2015 : 11° ArtVerona Fair e Liquid Landscape-Galleria RezArte, Circuito Off Fotografia Europea.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here