Malattie autoimmuni, domani apre il Centro ricerca, poi altri due eventi

Il Centro “Ipazia” di Ricerca Traslazionale sulle Malattie Autoimmuni e Allergiche (Caad) dell’Università del Piemonte Orientale verrà inaugurato domani pomeriggio, venerdì, alle 17 alla presenza del rettore Upo Gian Carlo Avanzi, del sindaco di Novara Alessandro Canelli e del direttore generale dell’azienda ospedaliero-universitaria “Maggiore della Carità” di Novara Mario Minola.

E’ la prima di tre momenti nel mese di novembre che avranno lo scopo di presentare le attività e le persone che lavorano in questo nuovo centro di ricerca.

Infatti sabato sarà la volta della Giornata Ircad (Centro di ricerca applicata Ipazia): dalle 9 si terrà il convegno “Alimentazione e salute: dal campo al letto del paziente passando per il Caad” con una lectio magistralis del professor Antonio Gasbarrini sul tema La rivoluzione del Microbiota. Al pomeriggio, dalle ore 15, le porte del Caad saranno aperte alla cittadinanza. Saranno proposte attività per i bambini e per gli adulti. Verrà distribuita la merenda della ricerca e verrà tagliata la torta speciale dedicata al ventennale Upo. Sono inoltre previste attività di show cooking e punti informativi per conoscere le attività del Caad.

Lunedì 19 novembre, alle ore 14, vi sarà un altro appuntamento legato al ventennale dell’Upo; il convegno internazionale “Alterazioni immunologiche in patologia: influenze genetiche e ambientali” si terrà nell’aula magna del Dipartimento di Scienze del Farmaco (Largo Donegani 2/3, Novara) con interventi dei professori Pier Luigi Meroni (Istituto Auxologico- Milano), Alberto Mantovani (Humanitas – Milano), Alberto Martelli (Presidio ospedaliero di Garbagnate Milanese), Roberto Copparoni (Ministero della Salute, Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione), Marco Ventura (Università di Parma – Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale) e Alessio Fasano (Harvard Medical School- Boston).

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here