Novara, una ‘rosa’ che fa ben sperare

Adesso che il calciomercato è davvero finito (con le cessioni di Kanis al Cuneo e di Pacini al Teramo, che hanno fatto seguito a quella di Chaja nella B portoghese), si può fare un bilancio di questo inizio di stagione.

Gli ultimi giorni hanno ruotato sul nome di Gianluca Sansone, di cui la società voleva liberarsi a tutti i costi e che invece ha voluto rimanere in azzurro a tutti i costi, rifiutando trasferimenti e anche la risoluzione del contratto. Il fatto che il ds Ludi non sia riuscito a cederlo ha impedito che venisse fatto il ‘colpo’ dell’ultima ora, magari rinforzando la difesa. Alla fine, sono state 11 le entrate e 15 le uscite: una vera e propria rivoluzione, quella che chiedevano (anche) i tifosi, ancora inferociti con i giocatori protagonisti della retrocessione dello scorso anno. Del passato sono rimasti Ronaldo e Sciaudone, che hanno convinto mister Viali, più Sansone, il cui futuro è quantomai incerto.

In porta si giocheranno il posto Benedettini, Di Gregorio e Marricchi. In difesa l’allenatore può contare su tre centrali (Chiosa, Sbraga e Bove) più altri elementi in grado di giocare sulle fasce, ma all’occorrenza anche ricoprire il ruolo di centrale: Tartaglia, Migliavacca, Cinaglia e Visconti. Il centrocampo sembra a posto, con Ronaldo, Sciaudone, Schiavi, Bianchi, Nardi e Mallamo. In attacco il Novara ha abbondanza, con Cacia ed Eusepi attaccanti centrali e un nutrito parco di elementi per il ruolo di seconda punta o trequartista (Peralta, Cattaneo, Cordea, Sansone, Stoppa e Manconi).

Insomma, la ‘rosa’ pare adeguata a un campionato di vertice: ora sta a mister Viali (che finora ha destato impressioni più che positive) ‘cucinare’ bene tutti ingredienti.

Nella foto, Viali e Ludi

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here