NovaraJazz per il sociale con la Fondazione comunità del Novarese

Non solo musica per NovaraJazz, la celebre realtà novarese riconosciuta e apprezzata a livello internazionale, che sceglie di aprirsi sempre più verso il sociale. Nasce così il fondo numero 74 della Fondazione Comunità del Novarese, promosso proprio dall’associazione che vede nel jazz “un potente mezzo per allargare la comunità e renderla più inclusiva”.

Per Cesare Ponti, presidente della Fcn, la nascita del nuovo fondo che ha già raccolto 1000 euro rappresenta «una collaborazione importante, che permette di coinvolgere la bella platea di giovani che, da sempre, segue NovaraJazz».

Il fondo permetterà di promuovere tutte quelle attività che mettono al centro le categorie protette, come ha spiegato il direttore artistico Corrado Beldì. Quattro i filoni importanti che saranno seguiti: migranti, bambini, anziani e carcere. «Continueremo a sostenere l’orchestra di periferia a Sant’Agabio – ha proseguito Beldì – con la nuova ambizione di provare a mettere a sistema un’integrazione più ampia. Proseguiranno le collaborazioni con l’ospedale pediatrico perché crediamo nell’aiuto prezioso della musica e crediamo che la musica, in generale, sia uno stimolo importante per le capacità cognitive dei più piccoli. Sosterremo ancora il liscio nelle comunità degli anziani e, infine, ci apriremo al carcere di Novara con la volontà di donare un pianoforte alla casa circondariale affinché possa essere utilizzato per le attività nel recupero dei detenuti».

Il Fondo potrà ricevere donazioni e lasciti disposti da privati cittadini, enti e imprese che ne condividano le finalità.

Valeria Abate

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here