Nuovo partito, grande fibrillazione tra i “renziani” novaresi

C’è grande fibrillazione tra i Dem del Novarese dopo le ultime evoluzioni in casa Pd, tanto che il prossimo congresso regionale finisce inevitabilmente in secondo piano. Le ultime mosse, quella di Minniti di rinunciare alle primarie per la carica di segretario nazionale e la sempre più probabile scissione di Renzi e dei suoi, interessati a costituire un nuovo partito, stanno creando grande confusione.

E’ chiaro che i “renziani” della prima ora (Ballarè, Pirovano e il suo gruppo ma probabilmente anche Genoni, l’anima ‘liberale’ del Pd) sono in attesa di capire cosa possa succedere, mentre altri (Mimmo Rossi, Milù Allegra, Sara Paladini ma anche Augusto Ferrari) non paiono toccati da ipotesi secessioniste.

«Calma e gesso – confida un “renziano” in cambio dell’anonimato – Dobbiamo capire bene cosa vuol fare Renzi. E’ chiaro che davanti a un progetto serio, noi ci siamo. Ma nessuno pensa a una scissione per creare un qualcosa che abbia il respiro di un mattino, come è accaduto a Sel. Berlusconi? Crediamo che una parte di Forza Italia sarebbe ben lieta di raggrupparsi attorno a Renzi, ma questo è un altro tema. Piuttosto, bisogna capire quali potrebbero essere le future alleanze».

I “renziani”, dunque, sono sulla porta, ma l’ultimo passo è ancora ben lontano dall’essere compiuto.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here