Passio 2020, 190 eventi della Diocesi

Sono 190 appuntamenti in 54 giorni, dal 26 febbraio sino al 19 aprile, realizzati a Novara e nel resto della Diocesi, grazie a 200 volontari e con un costo di 60 mila euro: sono i numeri di ‘Passio 2020’, la rassegna biennale con la quale la Diocesi di Novara celebra la Pasqua.

Titolo di quest’anno, «Fra cielo e terra. Città dell’Uomo, città di Dio», ispirato al De Civitate Dei uno delle più note opere di sant’Agostino.

La rassegna si divide in tre momenti. Il primo è costituito da quattro appuntamenti di riflessione dedicati a quattro città simbolo (Gerusalemme, Roma, Assisi e Istanbul) condotti dal giornalista Fulvio Scaglione, lo storico Franco Cardini, l’economista Stefano Zamagni, e il domenicano padre Claudio Monge: saranno trasmessi in diretta streaming a 25 sale parrocchiali. Il secondo declinerà la ‘Città dell’invisibile’, cinque appuntamenti con cui dar voce a protagonisti impegnati in ambito pubblico, privato-sociale e di volontariato. Infine, una serie di eventi di musica, teatro e riflessione. Il simbolo di Passio sarà l’opera di Hans Memling, ‘Passione di Cristo’, riprodotta con una gigantografia di 10 m per 7 che sarà installata in piazza Duomo.

«La città dell’uomo e quella di Dio sono due modi di essere nel mondo che lottano e crescono insieme l’uno con l’altro. In questo sta la bellezza della città: essa custodisce il bisogno di vita degli uomini, ma deve aprirsi all’alto che illumina la vita formicolante sulla faccia della terra» ha spiegato il vescovo Franco Giulio Brambilla.

Un momento particolare sarà rappresentato dall’apertura ufficiale, il mercoledì delle Ceneri, con un evento simbolico che sottolinea il legame tra la città dell’Uomo e la città di Dio. Le “rose di San Gaudenzio”, le composizioni floreali, offerte dall’amministrazione comunale alla Chiesa novarese il 22 gennaio durante la Patronale, saranno eccezionalmente deposte dal lampadario-fioriera della basilica di san Gaudenzio e portate in corteo con la partecipazione del Vescovo, del Sindaco e delle autorità civili fino in piazza Duomo.

«Un momento simbolico, una sorta di camminare insieme tra società civile e comunità religiosa» ha sottolineato il sindaco di Novara Alessandro Canelli.

Don Silvio Barbaglia, presidente del Comitato Passio: «Passio 2020 sarà l’occasione per esplorare la città per sondarne i lati virtuosi e i lati problematici, e dare voce alla ricerca di senso e alla domanda di salvezza che da essa salgono verso un “oltre”, cui la tradizione cristiana ha dato il nome di cielo e di Dio».

Sono intervenuti anche Gianluca Vacchini, segretario generale della Fondazione comunità del Novarese e Franco Zanetta, presidente della Fondazione Bpn per il territorio, che, con Ponti spa e altri sponsor tecnici hanno sostenuto il progetto. Hanno parlato anche Ivan De Grandis, consigliere provinciale e Stefano Ferrari, vicepresidente vicario del Comitato.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here