Per l’estate il Cannavacciuolo Café & Bistrot di Novara diventa Open Air

Il Cannavacciuolo Café & Bistrot di Novara, locale ricavato nell’ala del Teatro Coccia e voluto dal vulcanico chef Antonino come ideale continuazione del suo ristorante a Villa Crespi, per quest’estate diventa Open Air. Valorizzerà cioè la terrazza e il dehor (che sarà possibile riservare anche in esclusiva) con nuove offerte sia per quel che riguarda la cucina che per il bar.

La novità di quest’anno è il FuoriBistrot, ideale per trascorrere in compagnia il dopocena. A fare gli onori di casa il bartender Maurizio Sironi, pronto ad accogliere i suoi ospiti già dall’aperitivo dove non mancheranno i “pezzi storici” come il Negroni, il Martinez o l’Americano, preparati anche con delle piccole variazioni tutte da scoprire. Inoltre ogni giorno Sironi propone un cocktail a sorpresa, tra cui i drink a base grappa, rigorosamente territoriali, da abbinare all’immancabile pizza fritta.

Dopo l’aperitivo tocca alla cena e qui entra il gioco chef Vincenzo Manicone, giovane talento della cucina, trentenne di origine pugliese che si è fatto le ossa da Antonino a suon di pacche sulle spalle e che, dopo quattro anni di gavetta a Villa Crespi, è stato da lui benedetto come executive chef del Bistrot (leggi qui la nostra recensione).

Ouverture, musical, opera e balletto: il menu del Bistrot si ispira al Teatro, all’arte e alla creatività (non poteva essere altrimenti, visto il contesto da cui attinge). Solo per fare venire l’acquolina in bocca elenchiamo alcuni piatti: crudo di ricciola, insalatina di papaya, cipollotto e sesamo, quaglia in tre cotture, fiori di zucca e peschiole, spaghettone freddo, anguilla affumicata, bottarga di tuorlo e aiolì, piccione, melanzane e mortadella.

A chiudere la serata, come anticipato, FuoriBistrot con le due degustazioni: Esperienza Italiana ed Esperienza Acquavite. La prima racchiude la storia del bere italiano in ottica bistrot: acqua, caffè, la farina dalla cucina (piccoli snack), Polibibita futurista dedicata al Teatro Coccia, Torino Cocktail (1936 Elvezio Grassi), Negroni del Bistrot. La seconda prevede acqua, caffè, cioccolato e un sigaro italiano (offerto dalla casa), Vermouttino del Teatro, Affascinante, degustazione liscia Grappa.

m.m.

 

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here