Posti i sigilli ad autoofficina abusiva di Sant’Agabio

Militari della Stazione Carabinieri Forestale di Novara ed Oleggio hanno sottoposto a sequestro preventivo un’autofficina abusiva di Novara, a Sant’Agabio.

Dal sopralluogo è emerso che la struttura risultava registrata presso la locale Camera di commercio soltanto quale centro per la sostituzione di pneumatici, mentre dal sopralluogo è emerso che effettuava anche l’attività di autofficina meccanica.

Inoltre, gli accertamenti condotti sul posto, consentivano di appurare che il titolare dell’autofficina effettuava anche la gestione illecita degli oli esausti, che a norma di legge sono rifiuti pericolosi. L’impresa, infatti, era priva di autorizzazione ambientale né risultava avere adottato le misure di cautela prescritte dalla normativa a garanzia di una corretta gestione di tale tipologia di rifiuti.

Nel corso dell’ispezione veniva rinvenuto un ingente quantitativo di oli esausti, circa 1.500 litri, accumulato e mantenuto senza l’adozione delle necessarie misure di protezione ambientale. Inoltre, i primi accertamenti consentivano di rilevare che gli oli erano, con buona probabilità, smaltiti tramite sversamento in tombino con possibile percolazione diretta nella rete fognaria. Si è, di conseguenza, proceduto ad effettuare il sequestro preventivo con urgenza, allo scopo di interrompere l’azione inquinante e di evitare ogni possibile ulteriore aggravamento della contaminazione ambientale già prodotta.

Sono state allertate sia Arpa, allo scopo di verificare l’entità dell’inquinamento ambientale causato, sia Acque Novara Vco, per gli accertamenti di competenza. Dalle prime verifiche non sono emersi gravi pericoli per la salute pubblica.

Un cittadino pakistano è stato denunciato per il reato di smaltimento illecito di rifiuti pericolosi e per l’esercizio abusivo dell’autofficina è stato multato di 2500 euro.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here