Riqualificazione impianti sportivi, prima commissione “d’assaggio”

Una commissione consiliare sulla proposta di riqualificazione di tutta l’area sportiva di viale Kennedy, a Novara, quella che si è tenuta questa mattina, lunedì, di cui non si sentiva la necessità: infatti si è discusso per due ore sul nulla, visto che di questo progetto c’è poco più che l’idea generale, una manifestazione d’interesse da parte di un fondo. Nessun disegno, nessuna cartina. È ancora troppo presto.

Di certo, c’è che se il piano andrà in porto scompariranno il campo da baseball ‘Provini’ e il bocciodromo coperto.

Sono stati l’assessore allo sport Marina Chiarelli e il sindaco Alessandro Canelli a illustrare lo stato dell’arte del progetto da 36 milioni di euro avanzato da Yard, una società al 45% del Gruppo De Agostini (“un player indipendente nel mercato immobiliare con una consolidata esperienza nell’acquisizione, gestione, valorizzazione e dismissione di singoli immobili e portafogli su tutto il territorio nazionale” si legge sul sito).

Yard ha proposto un intervento di riqualificazione di tutta l’area di viale Kennedy, utilizzando il Novara Calcio come vettore, unico modo per sfruttare la cosiddetta “legge sugli stadi”. Verrà sistemato e coperto lo stadio, allargato il Tennis Piazzano, rimesso a posto il campo d’atletica, si farà il restyling del Pala DalLago, si amplieranno i parcheggi. Al posto del Bocciodromo si farà un’area food e verranno costruite due palazzine, una come centro polifunzionale e l’altra per residente di tipo alberghiero.

«Ma siamo ancora ben lontani dal progetto preliminare – ha spiegato il sindaco – e le esigenze delle varie società coinvolte dal cambiamento saranno tenute in debito conto. Tant’è che il piano andrà in porto solo in presenza di un progetto definitivo, di un piano economico-finanziario sostenibile e della sottoscrizione di convinzioni con le società sportive novaresi».

Il tutto con un ragionamento di fondo: questa è l’unica occasione per rimettere in sesto tutta una serie di impianti sportivi la cui manutenzione negli anni è stata carente.

L’opposizione Pd (hanno parlato Rossano Pirovano, Milù Allegra, Andrea Ballarè e Sara Paladini) è stata incentrata soprattutto sulle preoccupazioni per il futuro delle società sportive oggi operanti in quella zona, che magari hanno anche investito denaro proprio per migliorare la propria situazione. E sul futuro del baseball novarese, destinato a rinascere nella zona di Porta Mortara, ma a spese del Comune. Inoltre, i dem sono poco convinti di quel che poco che si sa su come i proponenti pensano di poter rientrare del loro investimento.

Ma è ancora troppo presto per avere risposte precise: occorrerà almeno arrivare al progetto preliminare. Adesso è tutto solo una vaga idea.

Attilio Barlassina

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here