Rossi, doppio segretario e anche dirigente della Provincia

Dalla tarda mattinata di oggi, lunedì, Giacomo Rossi è ufficialmente segretario generale “in condominio” tra Comune e Provincia di Novara. Il consiglio comunale ha approvato infatti (con il voto contrario dei gruppi di opposizione Pd e M5S) la convenzione tra i due enti, già varata la scorsa settimana.

Il dibattito non ha riservato particolari sorprese: da parte dell’amministrazione, per bocca dell’assessore al personale Federico Perugini, è stato ribadito come l’operazione di condivisione della funzione di segreteria generale sia vantaggiosa per entrambi gli enti contraenti. Una lettura contestata dall’opposizione: il Partito Democratico con Sara Paladini e Milù Allegra ha sottolineato come il risparmio a beneficio delle casse del Comune sarà esiguo a fronte di una minore disponibilità oraria del segretario «che – ha precisato Paladini – si sta occupando di dossier molto rilevanti».

Anna Garavoglia

È stato sempre però sempre lungo l’asse Palazzo Cabrino-Palazzo Natta, e a proposito del nuovo “doppio ruolo” del segretario generale che sono da registrare alcune novità. Perché mentre ancora i consiglieri comunali non avevano dato il proprio assenso alla convenzione, dall’altro lato della piazza il presidente Federico Binatti pubblicava all’albo pretorio un decreto con il quale vengono attribuiti al segretario Rossi una serie di funzioni dirigenziali ad interim. Tra queste, particolarmente delicate, quelle relative alla tutela e valorizzazione ambientale e alla difesa del suolo con particolare riferimento alle attività estrattive. Un decreto, immediatamente esecutivo che ricrea, come viene richiamato anche nella premessa del provvedimento stesso, la situazione vissuta dall’ente provincia dal marzo 2017 fino al 22 febbraio scorso, con le funzioni dirigenziali nell’ambito ambientale affidate all’allora segretaria generale Anna Garavoglia. Una situazione che più volte l’attuale maggioranza di centrodestra ha stigmatizzato, ma che di fatto si va a riprodurre tal quale. «Noi – precisa a questo proposito il consigliere provinciale Ivan De Grandis – abbiamo però già deciso di assumere un nuovo dirigente per il settore ambiente e lo abbiamo scritto nel DUP». «Anche noi – replica Milù Allegra, già parte della “giunta” Besozzi in Provincia – avremmo assunto il dirigente, ma nel luglio scorso il centrodestra ha bloccato la variazione di bilancio che metteva a disposizione le risorse per farlo».

Uno scambio più o meno in punta di fioretto. Al netto del quale, resta l’estensione del campo dell’incarico del segretario. E, come prevede il decreto rimandando la materia ad un ulteriore provvedimento, ad una rimodulazione, ovviamente al rialzo, della sua retribuzione di posizione.

Ettore Colli Vignarelli

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here