Spaccio di droga, 18 ordinanze di custodia

Tredici ordinanze di custodia in carcere, notificate a persone già in carcere; due persone ai domiciliari e tre con obbligo di firma: sono il risultato dell’operazione ‘Tresca’ dei carabinieri di Novara contro un gruppo di italiani che spacciava nel Novarese e dintorni 20 kg di cocaina all’anno.
L’operazione era partita nell’ottobre dello scorso anno e nel corso dei mesi successivi erano stati eseguiti diversi arresti e sequestrati oltre 2 kg di cocaina. Al momento della notifica del provvedimento di obbligo di firma, una persona è stata trovata in possesso di 32 gr di cocaina ed è stato arrestato in flagranza.
«E’ stata un’inchiesta – hanno dichiarato il pm che ha coordinato le indagini, Mario Andrigo, e il procuratore capo Nicola Serianni – condotta molto bene dai carabinieri, con grande professionalità. E che evidenzia, purtroppo, come in zona il consumo di cocaina sia molto vasto».
Per il comandante provinciale dei carabinieri, col. Antonio Renzetti, e il comandante del Reparto operativo, col. Sandro Colongo hanno sottolineato come «questa operazione è la conseguenze di altre del passato, come quella che abbiamo denominato “Contadino”; a riprova del fatto che quando si crea un vuoto, per gli arresti che abbiamo fatto, c’è sempre qualcuno che lo riempie». E gli investigatori ricominciano daccapo.
Ai vertici del gruppo di spacciatori c’era un uomo finito in carcere lo scorso aprile, che riceveva dai suoi canali la coca e poi la distribuiva immediatamente ai suoi ‘cavalli ‘.
Uno degli arrestati era malato, a letto da alcuni giorni e dopo essere finito in manette è stato portato all’ospedale di Novara dove è stato ricoverato per Covid. Alcuni carabinieri sono stati posti in isolamento.
Tre degli arrestati sono del Vercellese e due del Biellese.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here