Trenta giorni di prognosi per il medico picchiato

Ha riportato lesioni più serie di quelle che erano apparse in un primo momento S.B., il dottore della Guardia medica rimasto “coinvolto” (così definisce il fatto l’Asl No) nel pestaggio di sabato sera.

Più accurati accertamenti diagnostici hanno portato a scoprire nuove lesioni e così la prognosi è salita a 30 giorni.

La ricostruzione di quel che è accaduto sabato è ancora al vaglio degli investigatori, ma quel che pare certo è che tutto sia nato dalla pretese di un uomo (accompagnato in Guardia medica da alcune donne) di avere una prestazione (una puntura intramuscolo) che secondo ilo sanitario non si poteva, per legge, fare.

Ne è nata una discussione ed è partito un pugno dal paziente verso il viso del medico che è finito a terra procurandosi anche una lesione alla rotula. Il dottore è stato poi soccorso da un collega.

Il fatto ha riportato alla ribalta le lamentele dei medici della Guardia medica, che lamentano la poca sicurezza e la cattiva logistica nell’ambito della quale devono operare.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here