Tursimo, fronte comune Atl-Distretto dei laghi contro la riforma ipotizzata dalla Regione

La questione è più seria di quel che può apparire in un primo tempo e l’incontro avvenuto l’altro giorno in Provincia propedeutico alla fusione tra Agenzia turistica locale della provincia di Novara e il Distretto turistico dei laghi è un primo passo per costituire una “forza d’urto” che possa dialogare con la Regione in vista della possibile modifica dell’organizzazione del turismo.

Infatti, l’idea avanzata dall’assessore regionale Vittoria Poggio è quella di organizzare le Atl secondo “prodotto turistico” e non territorio. Un progetto che lascia certamente molto perplessi, anche perché spesso è proprio la somma delle varie offerte a rendere appetibile ai turisti un territorio. L’idea ha suscitato più di una protesta e soprattutto chi opera nel settore la vede come il fumo negli occhi.

Vittoria Poggio

Ecco allora che Atl Novara e Distretto turistico dei laghi stanno pensando a una fusione: di fronte al nemico che incombe, le incomprensioni del passato (e il timore dei novaresi di passare in secondo piano rispetto al Distretto) possono essere messe da parti.

All’incontro erano presenti il presidente della Provincia di Novara Federico Binatti, i consiglieri delegati per le due Province al Turismo e Marketing territoriale De Grandis e Giandomenico Albertella, il presidente di Atl Maria Rosa Fagnoni e il presidente del Distretto Oreste Pastore.

Sul tappeto «una proposta che, valutata e preliminarmente condivisa insieme con gli associati, potrebbe rappresentare un passo importante per la nostra realtà per affrontare in modo corretto ed efficace la prossima revisione della legge regionale 14/2016, oltre che un valore aggiunto per concretizzare una miglior espressione dei nostri due territori. Questo – sottolineano i rappresentanti delle Province e degli Enti di promozione turistica – grazie alle ottime competenze tecniche acquisite negli anni da Atl e agli importanti risultati numerici legati alla gestione da parte del Distretto per quanto riguarda le presenze dei turisti nel Vco. Abbiamo, di fatto, tutte le carte in regola e tutti gli elementi per essere, insieme, una grande eccellenza a livello regionale».

L’impegno è quello di un nuovo incontro il prossimo mese per analizzare il riscontro e le proposte che verranno raccolte tra gli associati, pubblici e privati.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here