Un rigore salva il Novara a Grosseto (1-1)

Se la cava il Novara a Grosseto (1-1) ma grazie a un rigore dubbio quant’altri mai e al termine dell’ennesima prestazione poco convincente. Ma se la forza del Novara è quella mostrata nelle ultime gare, allora anche solo la zona-playoff rischia di diventare un miraggio.

Taccuino desolatamente vuoto di emozione per un primo tempo davvero brutto. Meglio il Novara nella parte centrale, più arrembante (si fa pe dire…) il Grosseto nel finale, ma in realtà non si è visto un tiro degno di nota. Il Novara, per altro, è riuscito a sprecare due occasioni in contropiede quando si è trovato in 3 contro 2 ma è sempre mancato l’ultimo passaggio.

Succede tutto nella ripresa, gol e mezze risse. Al 51’ è Schiavi, di testa, a sfiorare il gol, ma due minuti dopo è il Grosseto a passare in vantaggio: Galligani va in dribbling su Lamanna, tira, il difensore azzurro devia leggermente e Lanni si fa passare il pallone sotto il corpo.

La reazione del Novara si limita a qualche traversone senza troppe pretese e anzi i toscani sfiorano il raddoppio: prima Lanni compie un miracolo su Sersanti e poi Moscati tutto solo di testa sbaglia clamorosamente. Per altro imitato da Sbraga sull’altro versante.

All’81’ l’episodio decisivo: Schiavi viene abbattuto sul lato corto dell’area (dentro? Fuori? Più fuori che dentro) e lo stesso Schiavi dopo tre minuti di discussioni e liti trasforma. Gli ultimi minuti sono scivolati via con l’espulsione di Schiavi e Pedrini.

(Schiavi in una foto d’archivio)

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here