Una Bambola… tutta novarese

E’ tutta made in Novara la scenografia de “La bambola maledetta” in scena al teatro Cardinal Massaia di Torino, un lavoro che nei primi due giorni di rappresentazione ha fatto registrare il tutto esaurito. A dare corpo alla casa in cui si muovono gli attori della compagnia “Chi è di scena” e l’inquietante fantoccio sono stati i novaresi “Cob”: gruppo di professionisti formato dallo street artist ed esperto del paper cut Matteo Capobianco, dallo scenotecnico e falegname Alessio Onida e dallo scultore e designer Cosimo Bertone. Un team eterogeneo, che dal 2011 lavora su progetti artistici comuni e che per “Chi è di scena” aveva già realizzato anche la scenografia del musical “Albaluce”, che ha visto la sua anteprima nazionale al villaggio natalizio 2017 di Viverone.

«La vera sfida per noi è stato misurarsi con una struttura apparentemente semplice, ma pensata per essere in movimento durante la rappresentazione – commentano i Cob – Gli attori hanno saputo valorizzarla fino in fondo, anche oltre le nostre aspettative, interagendo con gli arredi e i vari trucchi disseminati per la casa …di cui ovviamente non possiamo svelare nulla in nome della suspence».

I Cob – acronimo di Capobianco, Onida e Bertone, in inglese “pannocchia”: tre teste e sei mani, che insieme hanno la forza di centinaia di chicci che compongono una materia prima regina del Made in Italy – l’autunno scorso hanno lavorato su un allestimento tutto dedicato al Sommo poeta, per la mostra “Dante plus” di Ravenna. Ora hanno già in cantiere un nuovo progetto, finalmente con destinazione Novara.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here